17-18-19 febbraio 2021, ore 20
anteprima nazionale

LE COSE ABITATE

testo e regia Monica Luccisano

interpreti Olivia Manescalchi e Federico Tolardo

scena Monica Luccisano
suono Stefano Somalvico
luci Alberto Giolitti

ASSOCIAZIONE BARETTI

Un fratello e una sorella si ritrovano nella vecchia casa di famiglia, dopo il funerale del padre. In quel luogo ora non c’è più nessuno: la madre era morta pochi anni prima. Le stanze risuonano vuote. Delle proprie radici non resta più nulla. Eccetto le cose che sono state un tempo abitate.

E da quegli oggetti scaturiscono ricordi, parole, confronti, incomprensioni, reticenze, un sentimento confuso tra un amore viscerale e un rancore dalle radici lontane, un legame conflittuale che scava nel passato. E nel presente. E tra sorrisi malinconici e vivo dolore, tenerezza e rimpianto, Giulia e Carlo si attraggono e si respingono: il loro è un dialogo intermittente, che smaschera e denuda.

Intanto le cose continuano a rimandare ricordi, come in un assalto delle emozioni: la poltrona dei lunghi silenzi di papà, la tavola sempre imbandita, la collezione di cartoline, il ventaglio di mamma, i dischi impolverati, il servizio da tè…

Sono le cose che restano, le cose abitate a dirci quello che siamo.

 

 

BIOGRAFIE

Olivia Manescalchi
Si è diplomata alla scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi nel 1993. Ha lavorato da allora con vari registi, quali Luca Ronconi, Mauro Avogadro, Walter Pagliaro, Gabriele Vacis, Giorgio Gallione, Davide Livermore, Michele Di Mauro. Nel 1997 fonda un’associazione con Lorenzo Fontana e Giancarlo Judica Cordiglia con la quale produce alcuni cortometraggi per Mediaset e mette in scena diversi spettacoli teatrali prodotti dal Teatro Stabile di Torino.
Dal 1999 al 2008 è stata nel cast della trasmissione televisiva “La Melevisione” programma quotidiano su Rai Tre. Film tv: “Due mezzi papà” regia N. Salerno. Ha recitato nel film “Fuori dal mondo” di Giuseppe Piccioni e nel film “L’educazione di Giulio” di Claudio Bondì.
Nel 2006 scrive e mette in scena il suo primo testo teatrale “Punto di domanda. Ovvero: avete mai sentito parlare del lavaggio completo delle vie nasali” che viene poi ospitato alla rassegna Faccia da Comico diretta da Serena Dandini a Roma. Nel 2008 scrive e dirige il suo secondo testo teatrale dal titolo “9 mesi e 1 giorno” prodotto dalla fondazione Teatro Piemonte Europa.  Nel 2012 è stata ospite nella stagione del Teatro Stabile di Torino con il suo ultimo testo: “Il funerale”. Nel 2015 riprende lo spettacolo “9 mesi e 1 giorno”, da lei scritto e diretto, con la partecipazione di Melita Toniolo e Lorenzo Branchetti. Dal 2015 collabora stabilmente con Monica Luccisano, nelle pièce teatrali da lei scritte e dirette, tra cui “Madres. Racconti da Plaza de Mayo” (sulla dittatura Argentina), “Le pietre raccontano” (per il Giorno della Memoria), “Alice nel labirinto” (rivisitazione di “Alice nel paese delle meraviglie”). Nel 2018 è protagonista di “Benji” di Claire Dowie, regia di Lorenzo Fontana.
Dal 2012 collabora in veste di attrice e regista con l’Unione Musicale di Torino.

 

Monica Luccisano
Drammaturga, regista, musicologa e consulente editoriale, Monica Luccisano vive a Torino. Nella sua attività teatrale mette in stretta relazione diversi linguaggi, creando commistioni fra teatro e musica, teatro e cinema, teatro e arti visive. Perseguendo il dialogo tra le discipline, ha scritto e diretto per il Teatro Juvarra di Torino, il Festival di Stresa, il Piccolo Regio di Torino, l’Accademia Ghislieri di Pavia, il Teatro Baretti di Torino, l’Associazione Concertante, RivoliMusica, Aion Project di Milano, l’Unione Musicale di Torino, e altri enti teatrali e musicali.
Tra gli attori interpreti dei suoi lavori figurano: Sonia Bergamasco, Michela Cescon, Oliviero Corbetta, Alessandro Federico, Giovanni Franzoni, Giancarlo Judica Cordiglia, Davide Livermore, Olivia Manescalchi, Sax Nicosia, Candida Nieri, Vito di Bella.
Collabora con musicisti come Diego Mingolla, Manuela Custer, Andrea Chenna, Riccardo Balbinutti, Aion Project, Xenia ensemble, e inoltre con Altretracce teatro d’ombra.
Tra i titoli più rilevanti: “Gould, il lupo”; “Palcoscenico un remake”; “Tracce di Amleto”;Valzer a tempo di guerra”; “J’accuse! – da Bernstein alle Pussy Riot”; “Vertigine”; “La zona bianca” (sull’Alzheimer); “Calvario anarchico – Le ultime parole di Sacco e Vanzetti”; “Madres. Racconti da Plaza del Mayo”; “Le pietre raccontano” (spettacolo per il Giorno della Memoria); “Alice nel labirinto”. (www.monicaluccisano.it)

Sono molto gradite le donazioni, un biglietto di ingresso virtuale per la visione dello spettacolo.
Anche solo un piccolo aiuto per noi può fare molto. Grazie!

Come?
Su SATISPAY: Ci trovate come ‘CineTeatro Baretti’ oppure con questo QRCode:

Con PAYPAL o CARTE DI DEBITO E CREDITO:
https://www.paypal.com/donate/?hosted_button_id=MHD4WXHM2WPT6

Con BONIFICO su iban IT15U0501801000000011350667

 

Baretti

X