5 marzo 2022, ore 21

Siamo tutti in pericolo

Opening Act, pillole di teatro al cinema

Reading tratto dall’ultima intervista a Pier Paolo Pasolini

rilasciata al giornalista Furio Colombo il giorno prima dell’assassinio

a cura di Monica Luccisano

con Lorenzo Fontana e Olivia Manescalchi

Un evento in occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini.

Pasolini, interprete dei mutamenti sociali del nostro paese, è stato un protagonista assoluto della cultura del ‘900, una figura complessa e luminosa, un artista versatile e geniale, un eretico. E il fondamento della sua eretica trasgressività è quanto ha cercato ininterrottamente di comunicare da poeta, regista, scrittore, drammaturgo. Al Baretti già lo celebrammo nel 2010 con una rassegna non-stop di 30 ore tra letture, proiezioni, interventi radiofonici, partite di calcio. E fu un evento eccezionale. Non potevamo quindi dimenticarci di lui in occasione del centenario della sua nascita e, con questo evento al Baretti, vogliamo ridare luce alla fortissima e inconsueta sua passione conoscitiva e alla sua analisi della mutazione antropologica italiana, così potentemente attuale. Come? Partendo dall’ultimo Pasolini, dai suoi ultimi istanti di vita: l’ultima intervista rilasciata a Furio Colombo e il film “Pasolini” che si concentra sulle sue ultime ore di vita.

 

Nel pomeriggio del 1° novembre 1975 Pasolini rilasciò a Furio Colombo un’intervista. La densità delle riflessioni fu tale da portarlo a chiedere di rivedere il testo il giorno dopo, ma quella notte Pasolini fu assassinato. Prima di congedarsi Colombo gli chiese un titolo; da subito non rispose, poi qualcosa lo riportò sull’argomento: «Ecco il seme, il senso di tutto. Tu non sai neanche chi adesso sta pensando di ucciderti. Metti questo titolo, se vuoi: “Siamo tutti in pericolo”». L’intervista, uscirà poi l’8 novembre 1975 su La Stampa-Tuttolibri.

Lorenzo Fontana, Olivia Manescalchi, Monica Luccisano ripercorrono quel testo-testamento, insieme ad altre parole poetiche e non, intuizioni, messaggi, profezie che Pier Paolo Pasolini consegnò al suo e al nostro tempo.

 

A seguire proiezione del film PASOLINI di Abel Ferrara. Lo stesso regista introdurrà in video questo film, in occasione del centenario della nascita e specificatamente per il pubblico del Baretti.

 

Biglietto unico: 6€

L’ingresso in sala è fatto nel pieno rispetto delle normative anti-covid19.
In ottemperanza alle disposizioni governative vigenti l’accesso alle attività culturali, al chiuso o all’aperto, è consentito ai maggiori di 12 anni solo attraverso la presentazione della Certificazione verde COVID-19 (Green Pass).

Consigliamo l’acquisto dei biglietti online in modo da avere la sicurezza del posto e il tracciamento dei dati. Sarà comunque possibile acquistare i biglietti in cassa, con apertura della biglietteria mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

È necessario indossare la mascherina FFP2 anche durante lo spettacolo.

Baretti